Albergazione: cosa significa e quando è corretto utilizzarla?

Nel vocabolario della lingua italiana esistono parole poco utilizzate che vengono sostituite nell’uso da altre più comuni, che indicano la stessa cosa. E’ il caso del termine albergazione, che racchiude tutte le strutture che fanno parte dell’albergo.

Albergazione ha un suono più cacofonico e per questo può apparire una parola errata ma si tratta di un termine corretto della lingua italiana. In realtà i sinonimi da utilizzare per sostituite albergazione sono ben pochi, come vediamo in seguito.

Albergazione: cosa significa?

Albergazione è un termine che deriva dalla più comune parola albergo e si riferisce a tutte quelle strutture e quei servizi che ruotano intorno ad esso. Quindi oltre alla struttura ricettiva in sé indica tutto ciò che gli sta intorno, non limitandosi all’edificio ma includendo tutto l’insieme dei servizi e dei beni che ne fanno parte.

Nella realtà questo termine è usato pochissimo, e addirittura molti non lo conoscono o pensano che sia sbagliato. Un tempo veniva utilizzato maggiormente, mentre oggi sono altre le parole che fanno riferimento a tutti i servizi alberghieri.

Quali sono i sinonimi di albergazione?

Albergazione è una parola adatta per definire tutto quello che l’albergo offre alla clientela. Pur essendo ormai ritenuta obsoleta riesce a esprimere in senso ampio quale sia l’offerta della struttura.

Solitamente è più utilizzata nella lingua scritta, meno in quella parlata. La puoi trovare nella descrizione di una struttura, dove il suo utilizzo rende meglio l’idea di quello che si vuole trasmettere. Albergazione è in un certo senso una parola che riporta ad un senso di ampia accoglienza e risulta più inclusivo del termine albergo.

Al posto di albergazione è più frequente leggere o sentire il termine alloggiamento, parola che ne assume lo stesso significato. Albergazione viene utilizzato di rado, un po’ di più invece una parola con la medesima radice, albergare. Il verbo indica l’alloggiare presso una determinata struttura.

Sono molte le parole che nel tempo vengono dimenticate e spesso il loro posto è preso da termini stranieri. Una di queste è dimorare, il cui uso era frequente in passato mentre oggi è considerata una parola desueta. In realtà dimorare fa più riferimento al vivere presso una dimora o una casa e meno all’albergare presso una struttura ricettiva.

Quando si trascorre un periodo in albergo è naturale che si vive in quella struttura ma non è piacevole usare il termine dimorare. Albergazione invece racchiude anche un senso di ospitalità e di accoglienza che ricerca chi soggiorna in un albergo.